Cerca nel blog

sabato 11 aprile 2015

L'angolo del recensore:Crystal Stilts – “ In love with oblivion”

2011 | psychedelic & garage pop-wave


Un gruppo che azzecca la prima non vuol dire che alla seconda prova possa fare ancora colpo. Invece col secondo lavoro discografico, “ In love with oblivion”, pubblicato nel 2011, si continua sulla falsariga del debut album, con una scrittura ancora più matura. La formazione americana, guidata dal vocalist Brad Dunedin ci spiazza nuovamente con un mix di generi, dal garage rock al noise pop, alla wave più scura stile Joy Division. Tra i brani da ricordare va annoverato Silver Sun,che ricorda i Rem dei primi anni 80; Blood Barons, con citazioni di organi pinkfloydiani. I ritmi si alternano, dal lento incedere di Aliens Rivers,molto psichedelico, alla chiusa velvettiana Prometheus at large.
In conclusione quello che piace è l’anima pop, pur all’interno di un sound dalla cornice oscura e low fi.

Gianni Vittorio

Nessun commento:

Posta un commento